Anniversario don Giovanni

Oggi, 23 maggio è il primo anniversario della morte di don Giovanni. Vorrei inserire sul sito e inoltrare questo mio pensiero.

GIUlio CAPitano

REQUIEM PER DON GIOVANNI

“……Chi sa qualcosa di me, sappia ancora che l’amore mi ha amato e che io ho cercato nella mia vita di riamare l’Amore; di predicarlo, di testimoniarlo, coi miei limiti e le doti che Dio e la mia famiglia mi hanno donato. Chiedo la grazia del perdono a tutti.”

(Monsignor Giovanni Merlini)

Non so se don Giovanni quando era al gabinetto leggeva il giornale come faccio io (vezzo comune a tanti maschietti) oppure se aveva la mania di lavarsi i piedi prima di andare a dormire anche se aveva fatto la doccia, se faceva la barba al mattino o alla sera, se stringeva tra le labbra lo stuzzicadenti dopo l’uso o lo gettava via. Non conosco tratti e particolarità della sua vita di ogni giorno, quella vita cui nessuno sfugge, i grandi uomini come la piccola gente, fatta di cose simili o altre come queste che accadevano di certo anche nella vita di don Giovanni.

Non sono quindi uno che sa qualcosa di lui, sono semplicemente una delle sue tante pecorelle, importante come il resto del gregge di cui egli fu buon pastore. Studiare a posteriori l’uomo Giovanni Merlini e metterlo a confronto con il prete don Giovanni aiuterebbe chi scrive a comprendere l’essenza del suo messaggio pastorale? O sono forse deputato a scrivere una sua biografia? Per comprendere don Giovanni bisogna averlo amato, e adesso che non è più tra noi, occorre pregarlo! Questo mi disse pochi giorni or sono una carissima persona, lei sì davvero in grado di poter aggiungere qualcosa di concreto e non di retorico sul fondatore della nostra comunità.

Con profonda umiltà io mi sento solo di innalzare a lui una preghiera nell’anniversario, il primo, della sua morte (23/5/2010) ammettendo, in primis a me stesso, che negli anni della mia formazione ho avuto l’immenso privilegio di incontrare sulla mia strada uomini come lui ma anche come don Antonio, don Tonino e don Paolo, persone il cui valore ho percepito appieno soltanto quando queste figure non hanno più incrociato i miei passi. Giorno dopo giorno, con l’avvento della maturità, con il confronto/scontro con la vita, il seme della loro catechesi ha cominciato a germogliare e dare frutti dentro l’anima mia. Ridicolo sarei se affermassi che subito compresi tutto. Ipocrita e bugiardo sarebbe gonfiare il petto e sostenere che il maestoso spessore umano di don Giovanni e l’imponente figura di questo straordinario sacerdote io l’abbia apprezzata e capita da sempre. Caro don Giovanni sono io che debbo chiedere perdono a lei per tutte le volte che l’ho delusa, che non l’ho ascoltata, per tutte le volte che l’ho fatta incazzare.

E’ un anno che lei è in Paradiso, sono certo che da Lassù continua a seguire il suo amato gregge e che anzi con ancor più amore e con la potenza dell’Amore a lei così vicino potrà, a chi invocherà il suo aiuto, donare ancora molto.

Languagesen>it GoogleDicCE
tomorrow, morrow, tomorrow
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: